Pont du Gard

N ei pressi della cittadina di Remoulins, è situato il Pont du Gard, ponte romano costruito nel 17 A.C.

Costituito da tre serie di arcate, il ponte domina il fiume Gardon con i suoi 49 metri di altezza e 275 di lunghezza. Le sue dimensioni lo rendono eccezionale; è il ponte antico più alto del mondo. È composto di tre file di archi sovrapposti (6 archi al primo livello, 11 archi al secondo livello e 47 all'origine): una configurazione che rappresenta anche una realizzazione rarissima per l'epoca.

Una strada percorre il primo livello e l'acquedotto è collocato al terzo livello. L'acquedotto è costituito da un condotto a sezione rettangolare (dimensioni interne: 1,80 metri di altezza per 1,20 metri di larghezza) che percorre il ponte in tutta la sua lunghezza con una pendenza dello 0,4 %.

L'acquedotto di cui fa parte il Ponte del Gard, costruito verso il 50 d.C., alimentò per cinque secoli la città di Nîmes con acqua sotto pressione, in grande quantità. Durante il primo secolo, la cittadella romana, l'antica Nemausus, conosce un tale sviluppo che decide di dotarsi di un acquedotto, proprio come Roma, capitale e modello per tutto l'impero romano. Questa realizzazione conferisce alla città un prestigio nuovo: fontane, terme, acqua corrente nelle ricche dimore e strade salubri contribuiscono al piacere e al benessere della città. Grazie a una pendenza media di 25 cm per chilometro, tra le più basse mai realizzate a quei tempi, l'acquedotto incanala per gravità 30.000 - 40.000 m3 d'acqua corrente al giorno, da una sorgente situata a Uzès, lungo un percorso di 50 chilometri, fino a Nîmes.

La cittadina di Remoulins è anche nota per essere la capitale delle ciliegie e per la Grotta della Salpêtrière, una gola profonda, situata 200 metri a valle rispetto al ponte del Gard, all’interno della quale è conservata una delle stratigrafie più complete del Paleolitico superiore nel meridione mediterraneo della Francia. I numerosi scavi condotti a partire dal 1872 hanno, tuttavia, pressoché esaurito il giacimento. Le ultime campagne hanno permesso di riconoscere: l'Aurignaziano, il Gravettiano, il Solutreano, il Maddaleniano, il Neolitico, l'Età del rame. Inoltre è stato possibile definire almeno una nuova "cultura" paleolitica: il Salpetriano, databile intorno ai 19000 anni fa.

RemoulinsFranciaEuropavacanzeborgotutti

Ti potrebe anche interessare

La Festa dei Ceri

uniViaggi

La festa dei Ceri si svolge ogni anno il 15 maggio, alla vigilia della festa del Santo patrono di Gubbio Sant’Ubaldo Baldassini. I Ceri sono tre alti e pesanti...

Le Spiagge di Villasimius

uniViaggi

Le spiagge di Villasimius, alcune di sabbia bianca e finissima, altre dorate e corpose, con il loro mare che varia dall’azzurro limpido al turchese brillante ed al verde smeraldo, ricordano...

La bella e la bestia

uniViaggi

Il borgo di Riquewihr si trova nella regione francese dell'Alsazia, le sue mura colorate e gli antichi edifici (XV e XVI secolo) dai tetti di legno fanno questo paesino...