Montparnasse

S ulla riva sinistra della Senna (Rive Gauche) si colloca Montparnasse il cui nome fu dato da alcuni studenti della Sorbona, che nel XVII secolo andavano a declamare dei versi su una collina, in riferimento al monte Parnaso, casa delle Muse della mitologia greca. La collina, nel XVIII secolo, fu rasa al suolo per disegnare il Boulevard du Montparnasse, luogo di passeggiate in città.

Montparnasse, un tempo cuore pulsante della vita culturale parigina, ha subito delle forti trasformazioni urbanistiche che l’hanno completamente modificata a partire dagli anni Settanta. Agli inizi del 1900, la zona assomigliava più ad un paesino dai piccoli e stretti vicoli, fu l’epoca dell’avvento di giovani artisti che qui vi si stabilirono: Pablo Picasso, Modigliani, furono tra i primi a trasferirsi nel quartiere. Locali e brasserie, le più storiche sono la Closerie des Lilas, la Rotonde e il Dôme, aprirono nei primi decenni del secolo e furono molto frequentati dai numerosi artisti che affollavano le strade del quartiere. Gli anni Venti definiti gli “Anni Folli”, inoltre, furono caratterizzati dall’arrivo di numerosi stranieri, per alcuni dei quali fu un modo per immergersi nella bella vita, per altri fu il modo di vivere l’estro artistico di quel periodo.

Il quartiere ha dato il nome ad una strada, una barriera della cinta daziaria, un viale, una stazione ferroviaria, un cimitero, una stazione della metropolitana e un grattacielo: rue du Montparnasse (1773); barrière du Montparnasse (1786); boulevard du Montparnasse; gare de Paris Montparnasse (una delle stazioni ferroviarie di Parigi); cimitero storico di Montparnasse (dove sono seppellitti Baudelaire, Jean-Paul Sartre, Simonne de Beauvoir, Guy de Maupassant, Serge Gainsbourg e Philippe Noiret); stazione metro Montparnasse – Bienvenüe; la tour Montparnasse (il 56° piano della torre, riservato alla visita turistica, presenta una vista panoramica incredibile).

Tra i luoghi di maggiore interesse: rue de la Gaité (tra il boulevard Edgar Quinet e l’avenue Maine, durante les années folles di Montparnasse, era ricca di teatri e cabaret; oggi è uno dei luoghi più frequentati del quartiere con i suoi numerosi bar e café théâtre); Jardin Atlantique (parco pubblico sospeso sui binari della stazione Gare Montparnasse); Museo Bourdelle (museo d'arte, dedicato Antoine Bourdelle – scultore francese, nel quale sono custoditi opere in marmo, gesso, bronzo, dipinti, pastelli e schizzi per affreschi di diversi artisti).


Ti consigliamo anche di leggere anche:

ParigiFranciaEuroparelaxvacanzecittàtutti

Ti potrebe anche interessare

Varazdin

uniViaggi

Varazdin è una meravigliosa città della Croazia, non lontana da Zagabria, in stile barocco con evidenti influenze austro-ungariche, ricca di castelli, giardini e parchi di grande bellezza. Un tempo...

Il piccolo Tibet

uniViaggi

Nota per la bellezza delle sue montagne e per essere destinazione prediletta dagli amanti degli sport invernali, Livigno, incastonato tra l'Engadina e l'alta Valtellina, è un'incantevole valle che si allunga...

La vacanza dai mille volti

uniViaggi

Chiunque abbia voglia di una vacanza dai mille volti fatta di avventura, cultura, gastronomia, locali, discoteche, mare, parchi divertimento, sport e tradizioni può scegliere la Riviera Romagnola. Cattolica, Cervia, Milano...