Fado e Tago

L isbona è una città con una storia millenaria, con una “tradizione” un po’ popolare, un po’ malinconica e un po’ indolente. Si riesce a comprendere meglio il carattere dei suo abitanti ascoltando il Fado, le canzoni che i marinai portoghesi cantavano sulle navi con cui partivano alla conquista del mondo; oppure camminando lungo le rive del fiume Tago o attraversando i quartieri di Bairro Alto, Baixa, passando per Belem, fino a Chiado, solo così si possono conoscere fino in fondo le bellezze storiche e architettoniche della città, gli usi ed i costumi locali.

Bairro Alto è stato, per molti secoli, il quartiere delle famiglie benestanti. Poi dal 1800 questo quartiere ha acquisito una doppia faccia che ancora adesso lo caratterizza: da una parte le famiglie aristocratiche e dall'altra i creativi, gli artisti, gli estrosi, le librerie, i ristoranti e gli antiquari. E’ il quartiere dei giovani, del divertimento, della movida di Lisbona, luogo di incontri e feste, dei locali jazz o della musica dal vivo.

Baixa è il quartiere centrale di Lisbona, il cuore della città, la parte di Lisbona che parte dalle rive del Tago e arriva fino all'Avenida da Liberada. Distrutto completamente dal terremoto nel 1755, la Baixa non solo è il simbolo della speranza e di una ricostruzione fatta in modo preciso e accurato, ma è anche un esempio meraviglioso di architettura neoclassica. Il Marchese di Pombal, primo ministro del re Josè I, la fece riedificare così come appare oggi: strade solo per pedoni con numerosi bar, ristoranti e negozi. Da visitare assolutamente la Praca do Rossio, la Praca do Commercio e l'Elevador de Santa Justa.

Belém è situato sulle sponde del Tago, è il quartiere delle “scoperte marittime”: da qui le navi partivano in cerca di nuove terre e ricchezze. Si presenta come una zona con uno stile architettonico caratterizzato da quel gotico iperdecorato che prende il nome di Manuelino, una zona molto ampia, ricca di giardini e di monumenti come il Monastero dei Jerònimos, il Padrão dos Descobrimentos e la Torre di Belém, realizzata per essere faro e fortezza del porto di Restelo.

Chiado è un quartiere ricco di negozi raffinati, librerie, teatri, scuole d’arte e delle tradizioni; era il quartiere preferito da Fernando Pessoa, malinconico poeta e scrittore portoghese, ed uno dei luoghi dove Pessoa amava molto trascorrere le sue giornate era il caffè “A Brasileira” in Rua Garrett, la strada elegante che taglia in due il quartiere. Da visitare le imponenti rovine gotiche della Chiesa del Carmo, semidistrutta dal terremoto del 1755 e lasciata così, a futura memoria di quello che è stato.

I tram di Lisbona sono leggendari, sono il mezzo di trasporto che permette di superare la pendenza di vicoli e vicoletti senza stancarsi, sono il mezzo di trasporto che porta con sé ragazzini appesi alle maniglie esterne per non pagare i biglietti. Anche le funicolari e gli ascensori sono molto caratteristici a Lisbona e alcuni funzionano da più di 100 anni. Le funicolari sono 3 e la Lavra è stata la prima costruita in tutta Europa, mentre gli ascensori vanno su e giù dai colli della città.

I piatti tipici di Lisbona sono: gli antipasti come le olive nere, gli affettati, il formaggio di capra e una sorta di prosciutto affumicato; il bacalhau con i suoi 366 modi di cucinarlo (uno per ogni giorno dell'anno più uno per il 29 febbraio degli anni bisestili); il cozido à portuguesa, stufato a base di carne e legumi; il sarrabulho, con fegato di maiale o anatra marinata nel vino rosso e legato con il sangue di maiale. Tutto accompagnato con il buon Porto e concluso con uno dei tanti squisiti dolci portoghesi.

LisbonaPortogalloEuropadivertimentorelaxvacanzecittàtutti

Ti potrebe anche interessare

Boccadasse

uniViaggi

Compreso tra l'estremità orientale di corso Italia e il Capo di Santa Chiara, punto panoramico che divide l'area di Albaro da quella di Sturla, sorge l’antico borgo marinaro di Boccadasse...

Una serata a Ponte Milvio

uniViaggi

Ponte Milvio non è solo uno dei ponti più antichi di Roma o il luogo dove i giovani innamorati hanno l’abitudine di attaccare i propri lucchetti ai lampioni, ma è...

Il Parco di Pinocchio

uniViaggi

Il parco di Pinocchio sorge nella frazione di Collodi presso Pescia in provincia di Pistoia. Si tratta di un parco tematico, completamente all’aperto, concepito per l'educazione dell'infanzia, non è un...