Suvereto

P iccolo e splendido borgo medievale, le cui origini risalgono al 973, incastonato sulle pendici delle colline che dominano il mare, non lontano da Livorno, nella verde Val di Cornia, ricco di storia e di arte, sorge Suvereto. Le bellezze artistiche di questo paese, che fa parte del circuito “i borghi più beli d’Italia” si  racchiudono dentro le antiche mura. Sui vicoli lastricati si affacciano case di pietra, palazzi storici (Rocca aldobrandesca, Palazzo del Comune, Fonte degli Angeli), chiese di grande suggestione (Chiesa della Santissima Annunziata, Chiesa del Crocefisso, Chiesa di San Tommaso, Chiesa della Madonna di sopra la Porta) e chiostri ombrosi.
I boschi di sugheri, castagni, querce e la macchia mediterranea che circondano il borgo scendono fino al mare. La campagna, sede di importanti aziende vinicole (qui viene prodotto il doc Val di Cornia Suvereto) fa parte dell’associazione Città del Vino, inoltre sono presenti diverse aziende agricole, frantoi, cantine, agriturismi, dove si possono gustare i prodotti tipici ed i piatti che derivano da una genuina tradizione gastronomica. Questa zona è famosa per le verdure (carciofi violetti e spinaci), le zuppe di verdure, le paste fresche ripiene (tortelli), il cinghiale cucinato secondo le antiche tradizione del luogo. Non si possono non assaporare i salumi, i dolci, il miele, ed i prodotti biologici che arricchiscono la cucina locale, oltre ai vini ed agli oli.I negozi del centro storico mettono in mostra oggetti in ferro battuto e prodotti dell'artigianato tipico, derivanti da tutti quei mestieri che si tramandano da generazioni. I lavori del bosco, della campagna e quello artigiano rimandano ad una storia secolare: carbonai, sugherai, falegnami, fabbri, impagliatori, fornai: una ricca tradizione di lavori artigiani che si esprime oggi soprattutto nella lavorazione del ferro e del legno.
Di particolare interesse anche il "Museo artistico della bambola", una collezione prestigiosa di esemplari unici da fine '800 ai nostri giorni.
Tra le manifestazioni più famose di Suvereto si ricorda “il Palio”, manifestazione che si svolge due volte l'anno: si tratta di una gara fra squadre di “spingitori”, che si disputa per le vie lastricate del centro storico; le coppie di spingitori mettono la botte da 5 quintali di pancia e la spingono, più uniformemente possibile, sul circuito cercando di superare gli avversari Il primo, il palio di Santa croce, si tiene a maggio in concomitanza delle feste patronali mentre il secondo cade il 14 di agosto ed è chiamato palio dell'Imperatore.

SuveretoItaliaEuropaenogastronomicoborgotutti

Ti potrebe anche interessare

Il piccolo Tibet

uniViaggi

Nota per la bellezza delle sue montagne e per essere destinazione prediletta dagli amanti degli sport invernali, Livigno, incastonato tra l'Engadina e l'alta Valtellina, è un'incantevole valle che si allunga...

Sondrio e la Valmalenco

uniViaggi

Sondrio è il capoluogo e il cuore della Valtellina, la città sorge, infatti, proprio nel centro della vallata, all’imbocco della Valmalenco. Circondata da vigneti terrazzati, offre fin dal primo sguardo...

La Reggia di Caserta

uniViaggi

Nel 1750 Carlo di Borbone (1716-1788) decise di erigere la Reggia quale centro ideale del nuovo regno di Napoli, ormai autonomo e svincolato dall’egida spagnola. La scelta del luogo dove...