Le catacombe di Roma

L e bellezze architettoniche di Roma non sono solo visibili in superficie ma esiste un mondo sotterraneo fatto di cunicoli ed aree cimiteriali, scavate sotto terra fuori dell’antica cinta muraria di Roma: le Catacombe.
Le catacombe romane più antiche risalgono alla fine del II secolo. Precedentemente i cristiani venivano sepolti insieme con i pagani. Quando la comunità divenne più numerosa, fu necessario creare dei cimiteri collettivi. Fu così che furono scavate nel tenero tufo gallerie sotterranee a più piani: utilizzate per scopi funerari e per il culto dei martiri ivi sepolti. Nel Medioevo le catacombe iniziarono ad essere abbandonate con la traslazione delle reliquie all'interno della città. Riscoperte ed esplorate nel XVI secolo fu completato il loro ritrovamento a metà del XX secolo.
Le catacombe romane furono costruite lungo le vie consolari, come la via Appia, la via Ostiense, la via Labicana, la via Tiburtina, e la via Nomentana. Esistono anche catacombe ebraiche come quelle di Vigna Randanini e Villa Torlonia.
Tra le più grandi e più importanti, comprese nella zona tra l’Appia Antica e la via Ardeatina, si trovano le catacombe di: San Callisto, San Sebastiano e Santa Domitilla. Le catacombe di San Callisto sorte verso la metà del II secolo, trovarono sepoltura più di 500.000 cristiani. Nella parte superiore sono visibili due piccole basiliche con tre absidi. La zona sotterranea è divisa in diverse aree: la Cripta dei Papi conserva i resti di almeno cinque Papi martirizzati e poi santificati; la Cripta di S. Cecilia, dove era sepolta la Santa (attualmente le sue reliquie si trovano in Trastevere nella basilica a lei dedicata) era interamente decorata con affreschi e mosaici. Tra le enormi gallerie piene di loculi, si trovano anche tombe di famiglia affrescate. Le catacombe di San Sebastiano, simili a quelle di San Callisto, sono su quattro livelli, presentano al loro interno dipinti, stucchi, graffiti e mosaici. Le catacombe di Santa Domitilla, presentano 17 km di gallerie, sono le uniche tra quelle visitabili con una Basilica sotterranea. Si rimane colpiti dalla grandiosità dello scavo oltre da dagli affreschi ed i simboli cristiani conservati al loro interno.
La catacomba di Priscilla, sulla via Salaria, prendono probabilmente il nome della donna che donò il terreno per la realizzazione dell'area sepolcrale. Tanti sono i loculi presenti, quelli di particolare interesse sono: il cubicolo della Velata che prende il nome dall’affresco in esso presente; la cappella greca, decorato con pitture stile pompeiano, finto marmo e stucchi; la Madonna, dov’è conservato lo stucco con dipinta la Madonna.
Le catacombe di Santa Tecla, su via Ostiense, contengono le più antiche raffigurazioni degli apostoli, sono particolari per la tipologia di sepoltura che non si trova in nessun’altra catacomba di Roma, nello spazio centrale dei vasti cameroni le sepolture avvenivano alla “cappuccina”, salme addossate le une sulle altre, in modo da sfruttare al massimo lo spazio disponibile.
Le catacombe ebraiche di Vigna Randanini e di Villa Torlonia sono meno imponenti e meno ricche di molte di quelle cristiane, l’originalità delle necropoli ebraiche risiede nella decorazione delle tombe e nelle testimonianze epigrafiche.

Di seguito la lista delle catacombe.
Via Cornelia: Necropoli Vaticana.
via Aurelia: Catacomba di San Pancrazio - Catacomba di Calepodio - Catacomba dei due Felici - Catacomba dei Santi Processo e Martiniano.
Via Portuense: Catacomba di Ponziano - Catacombe di Generosa
Via Ostiense: Tomba di San Paolo - Tomba di san Timoteo - Catacombe di Commodilla - Catacomba di Santa Tecla.
Via Ardeatina: Catacomba dei Santi Marco e Marcelliano (o di Basileo) - Catacombe di Domitilla - Catacomba della Nunziatella - Catacomba di Balbina.
Via Appia: Catacombe di San Callisto - Catacombe di Pretestato - Catacombe di San Sebastiano - Ipogeo di Vibia (con sepolture pagane e cristiane) - Catacombe di Vigna Randanini.
Via Latina: Catacomba dei Santi Gordiano ed Epimaco - Catacomba di Aproniano - Ipogeo di via Dino Compagni - Ipogeo di Trebio Giusto.
Via Labicana: Catacombe dei Santi Marcellino e Pietro - Catacombe di San Zotico - Ipogeo degli Aureli (catacomba gnostica) - Catacomba di San Castulo.
Via Tiburtina: Catacomba di San Lorenzo (o di Ciriaca) - Catacomba di Novaziano - Catacomba di Sant'Ippolito - Catacomba di Santa Sinforosa (Tivoli).
Via Nomentana: Catacomba di San Nicomede - Catacomba di Sant'Agnese - Catacomba maggiore - Catacombe di Sant'Alessandro - Catacombe di Villa Torlonia.
Via Salaria Nuova: Catacombe di Santa Felicita - Catacomba di Trasone - Catacomba di Sant'Ilaria - Catacomba dei Giordani - Catacombe di Priscilla - Catacombe di via Anapo.
Via Salaria Vecchia: Catacomba di San Panfilo - Catacomba di Sant'Ermete (o di Bassilla) - Ipogeo di via Livenza - Catacomba ad clivum Cucumeris.
Via Flaminia: Catacomba di San Valentino.
www.catacombe.roma.it
www.catacombepriscilla.com
www.catacombedomitilla.it

RomaItaliaEuropaavventuracittà

Ti potrebe anche interessare

Ugento

uniViaggi

Nel basso Salento nella costa del mar Ionio, nella provincia di Lecce, sorge Ugento: riconosciuta sia come città d’arte che località turistica per le sue bellezze architettoniche, archeologiche ed ambientali....

Sci di fondo tra le Dolomiti

Redazione

Dobbiaco, in val Pusteria, è in posizione strategica, situata sull'incrocio tra le più importanti vie di comunicazione che portano da Venezia fino alla Baviera e dalla Valle dell'Adige alla Valle...

Andiamo a Quel Paese

uniViaggi

Il Titolo è quello di un film ambientato in Sicilia nel paesino di Rosolini (provincia di Siracusa), antico borgo feudale sviluppatosi in oltre due secoli: feudo del vasto territorio di...